Suspicions- Sospetti ;-)

( EN ) A few years ago I worked in a place where staff was divided into a thousand factions , with continuous clashes.

I arrived every day with a smile on my face and I started my day actively . I ran here and there, I talked a bit  with all friendly and without too much problem to judge them:  it just was nice smile and talk among humans.

Well, hell broke loose!  Suspect was advancing more every day , ” Why that there smiles and takes things lightly ? ”

“Is she stupid? ” “Is she cheating? ”

” Why is she not one faction or the other ?” … Or even worse : ” Why is she a moment with one faction and then with the opposite ? ”

” Who does she think to be?”

From those suspicions were passed to tease me or to get angry with me.

I worked exactly like the others, sometimes more , but since I could not be labeled in one way or another , my work did not exist.

A strong thirst for judgment, to put me among the good guys or the bad guys and that smile, that smile that aroused so much suspicion.

My dears , why do you not try to smile and live with heart alive , rather than look for the reason of my smile ?

So many fights, so many moments blacks , many mischief in that place : all forgetting to smile, to see the other as human and nothing else.

I smile even more to think about how much  a smile creates suspicionif it is without faction , without closeness or similarity to one or another … like the taste of things to get lost in a teacup

Let’s  smile together , no?

(IT) Qualche anno fa lavoravo in un posto dove il personale era diviso in mille fazioni e con continui scontri.

Io arrivavo ogni giorno col sorriso stampato in faccia e iniziavo attivamente la mia giornata. Correvo di qua e di là, parlavo un po’ con tutti amichevolmente e senza troppo farmi il problema di giudicarlo, solo perchè era bello sorridere e parlare tra esseri umani.

Beh, apriti cielo! Il sospetto avanzava ogni giorno di più: “perchè quella lì sorride e prende con leggerezza le cose?”

“E’ scema?” ” Sta facendo il doppio gioco?”

“Perchè non è di una fazione o dell’altra?”…o peggio ancora :” Perchè un momento sta con una fazione e poi con l’opposta?”

“Chi si crede di essere?”

Da quei sospetti si passò ai dispetti a me o ad arrabbiarsi con me.

Lavoravo esattamente come gli altri, a volte di più, ma visto che non potevo essere etichettata in un modo o in un altro, il mio lavoro non esisteva.

Una sete fortissima di giudizio, di mettermi tra i buoni o i cattivi e quel sorriso, quel sorriso che destava tanto tanto sospetto.

Ragazzi miei, perchè non provate a sorridere e vivere col cuore vivo, anzichè cercare il motivo del mio sorriso?

Tanti litigi, tanti momenti neri, tanti dispetti in quel posto: tutto dimenticandosi di sorridere, di vedere l’altro come umano e basta.

Sorrido ancor più a pensare quanto sospetto crea un sorriso senza fazione,senza vicinanza o somiglianza a uno o un’altro…come perdersi il gusto delle cose in un bicchier d’acqua

Sorridiamo insieme,no?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s