Dear Comenius- Caro Comenio

(EN)

Dear Comenius,

looking here and there among humans, I wondered if your travels and your work are now lost and forgotten .

I wondered why education seems more and more training or rote learning: a mere know-how or an accumulation of data and information , an identity more and more linked to what you are born with , or a craft , with no upbringing .

I wondered if today grow up people trained , literate or fully educated human .

Education that internalizes that grows inside and out, which harmonises all aspects of human and nature.

I hear more and more talk about education as training for someone or something or education as education in order to deal with game shows .

Where is your ” omnia omnibus omnino “? That one creates harmony between themselves and others,that one is not on the surface or partial, but that makes many call a human being : better .

I do not feel able to answer these questions and I ask you, who have done so much but that very few remember .

(IT)

Caro Comenio,

guardando quà e là tra gli esseri umani, mi sono chiesta se i tuoi viaggi e il tuo lavoro siano ormai persi e dimenticati.

Mi sono chiesta come mai l’educazione sembri sempre più formazione o istruzione: un mero saper fare o un accumulo di dati e informazioni , un’identità sempre più legata a ciò che si nasce o a un mestiere, senza una crescita, un’educazione.

Mi sono chiesta se oggi crescano persone formate, istruite o umani educati.

Quell’educazione che interiorizza, che fa crescere dentro e fuori, che armonizza tutti gli aspetti umani e la natura.

Sento sempre più parlare di educazione come formazione di qualcuno o qualcosa o dell’educazione come istruzione per poter affrontare quiz televisivi.

Il tuo “omnia omnibus omnino” dov’è finito? Quello che crea armonia tra se stessi e gli altri, quello che non sta in superficie o è parziale, ma quello che rende l’uomo l’essere che molti definiscono: migliore.

Non mi sento in grado di rispondere a tali domande e lo chiedo a te, che hai fatto tanto ma che pochissimi ricordano.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s